Alcuni la chiamano MotoTerapia, noi non siamo terapeuti e  vogliamo chiamarla Sorrisi in Moto perchè questo quello che avviene sempre Tanti sorrisi!

I volontari di No Barriers con le loro moto direttamente o a supporto di promotori partecipano o organizzano eventi con un unico scopo: abbattere barriere. Barriere sia fisiche, dando la possibilità a ragazzi diversamente abili di vivere emozioni che non potrebbero vivere, ma soprattutto mentali, che sono poi i veri muri da abbattere. 

Nel corso degli anni i volontari hanno partecipato o sono stati promotori di una moltitudine di eventi di giornate in moto a favore di ragazzi con deficit, sviluppando capacità nel caricare in moto persone affette da diverse tipologie di disabilità, da persone in carrozzina fino a persone tetraplegiche con l'unico scopo di far vivere emozioni diverse o nuove. 

SORRISI IN MOTO– Il progetto 

Sorrisi in moto, unitamente agli altri progetti “Moto in Corsia” e “No Barriers Road”, fa parte delle  iniziative che No Barriers propone alle famiglie, operatori e volontari per la realizzazione di giornate di svago a favore di ragazzi e adulti con disabilità intellettiva e/o relazionale ospiti in centri di  accoglienza, cooperative, enti, associazioni. 

Utilizzare la moto come strumento terapeutico per far vivere o rivivere un' esperienza esclusiva a favore di chi sulle moto difficilmente potrebbe andare. 

Un nuovo approccio alla moto che migliora le possibilità offerte ai ragazzi al fine di dare una risposta educativa, di crescita e di consapevolezza più ricca. 

Gli utenti dei centri possono salire in sella a una moto, vivere l’adrenalina dello sport e sviluppare capacità fisiche, affettive, cognitive e sociali.  

Una modalità di intervento nata per regalare momenti di gioia, allegria e spensieratezza a persone e bambini con uno svantaggio. Una modalità di intervento dove la moto non è solo velocità, ma anche veicolo di benessere e divertimento.  

  

 L'evento 

Far vivere le emozioni della moto a ragazzi che magari sulle moto magari non sono mai saliti oppure in rare occasioni. 

L'evento solitamente si svolge nell'arco di un paio di ore. Avrà come elemento centrale le moto.  

Prevede l'arrivo dei piloti vestiti in tenuta da cross e un primo incontro con gli ospiti del centro. Un approccio informale in cui si scherzerà con gli ospiti cercando di creare un clima di amicizia e divertimento.  

Successivamente i piloti con le loro moto da cross, a motore endotermico o elettrico faranno, a seconda della disponibilità degli spazi, un piccolo show a favore dei ragazzi. 

Qualora ci fosse la possibilità verrà essere allestita una piccola rampa in cui 1 o 2 piloti faranno dei piccoli salti, mentre gli altri piloti passeranno tra i futuri passeggeri coinvolgendoli cercando di creare empatia. 

Se lo spazio invece fosse ridotto e non ci fosse la possibilità di allestire la rampa i riders passeranno vicino ai ragazzi facendo loro sentire il rombo dei motori e facendo vedere da vicino le moto. Alla fine di questa piccola esibizione della durata di circa 10 minuti, tutti i piloti, il cui numero varierà a seconda del numero di ragazzi, si metteranno a disposizione dei ragazzi per far fare loro un piccolo giro sulla moto. Con il supporto di altri volontari, che aiuteranno nelle operazioni di salita e discesa dalla moto, potranno vivere le emozioni di un piccolo giro in moto e “sentire il vento in faccia quando il vento non c'è”.  

SPETTACOLO FREESTYLE: Grazie alla collaborazio

No Barriers è una Organizzazione di Volontariato iscritta al Registro Regionale del Volontariato al n. MI 10322 della Sezione Provinciale di Milano, in questi anni ha organizzato decine di eventi a favore di ragazzi affetti da deficit e i suoi volontari hanno partecipato in maniera attiva a eventi simili organizzati da altre associazioni.  

Qualche esempio è documentato dai video caricati a questo link youtube la mail di riferimento: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.